• Niente di vero

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    In questo romanzo esilarante e feroce, Veronica Raimo apre una strada nuova. Racconta del sesso, dei legami, delle perdite, del diventare grandi, e nella sua voce buffa, caustica, disincantata esplode il ritratto finalmente sincero e libero di una giovane donna di oggi. Niente di vero è la scommessa riuscita, rarissima, di curare le ferite ridendo.

    Prenota
  • Spatriati

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    Claudia entra nella vita di Francesco in una mattina di sole, nell’atrio della scuola: è una folgorazione, la nascita di un desiderio tutto nuovo, che è soprattutto desiderio di vita. Cresceranno insieme, bisticciando come l’acqua e il fuoco, divergenti e inquieti. Lei spavalda, capelli rossi e cravatta, sempre in fuga, lui schivo ma bruciato dalla curiosità erotica. Sono due spatriati, irregolari, o semplicemente giovani. Un romanzo sull’appartenenza e l’accettazione di sé, sulle amicizie tenaci, su una generazione che ha guardato lontano per trovarsi.

    Prenota
  • Sono mancato all’affetto dei miei cari

    Orgoglioso proprietario di una ferramenta, un tipo solido, senza grilli per la testa, mai un giorno di vacanza: è l’eroe di questo romanzo. Sembra impossibile che gli sia toccata in sorte una simile progenie. Eppure… Lo spaccato ironico e preciso di una certa società italiana. Una commedia amara che, con garbo, prende in giro un modello maschile ormai sempre piú raro. O almeno si spera.

    Prenota
  • Solo è il coraggio. Giovanni Falcone, il romanzo

    Questa è la storia di un uomo che resiste, che prova a fare la differenza, che non voleva essere un martire né un eroe.

    Prima ti infangano, poi ti isolano, poi ti ammazzano

    Prenota
  • Alma che visse in fondo al mare

    “L’opinione pubblica” non è solo un’espressione ricorrente nel linguaggio quotidiano politico e giornalistico, ma un fenomeno vivo che attraversa la storia del genere umano, dalla polis ateniese alle democrazie occidentali mediatiche. Elisabeth Noelle-Neumann – che in queste pagine ne ricostruisce la genesi e l’evoluzione – la definisce “la nostra pelle sociale”, la superficie del nostro senso di appartenenza alla comunità che esalta o comprime le possibilità di esprimerci liberamente. Opera di una vita, questo volume è stato costantemente arricchito e aggiornato dall’autrice, sensibile sia allo scandiglio “archeologico” del concetto (il cui uso viene fatto risalire a Cicerone) sia alle novità determinate dalla presenza forte e pervasiva dei mezzi di comunicazione di massa nell’arena della comunicazione globale.

    Prenota
  • Storia aperta

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    Davide Orecchio insegue il mistero di un padre sconosciuto, ne indaga le traiettorie possibili, si impone un ferreo rigore documentario ma al tempo stesso permette alla fantasia di colmare lacune, sognare destini.

    Prenota
  • Quel maledetto Vronskij

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    La storia di un uomo che non crede alla fine di un amore. Un romanzo di ossessioni, tenacia e tenerezza.

    «La prosa limpida, rallentata di Piersanti – un romanziere autentico – dimostra che per raccontare il nostro tempo non dobbiamo per forza essere adrenalinici, né parlare di WhatsApp» – Filippo La Porta, Robinson

    Prenota
  • Stradario aggiornato di tutti i miei baci

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    Tutte le forme d’amore.

    Prenota
  • Nina sull’argine

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    Con una lingua modellata sull’esperienza, Veronica Galletta ha scritto un apologo sulla vulnerabilità che si inserisce in un’ampia tradizione di letteratura sul lavoro, declinandola in maniera personale.

    Prenota
  • Il cannocchiale del tenente Dumont

    Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2022

    «Perché disertore non significa mica sbandato, uno sbanda e bene o male si risolve, ma disertare è qualcosa che non finisce, diventa una missione, una carriera. Un grado. A uno dovrebbero scriverlo sulla pietra. Gerard Henri Dumont. Disertore.»

    Prenota